Recensione libri: L’Uomo che scambiò sua moglie per un cappello, Oliver Sacks

cappello

Prima recensione libresca dopo due anni! Spero solo di non essere troppo arruginita…
Che poi in realtà non c’è molto da recensire, ma voglio parlarne comunque.

L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello è un saggio neurologico, una raccolta di casi di lesioni encefaliche di vario tipo con cui il famoso neurologo si è trovato ad avere a che fare nell’arco della sua carriera.
Non so se sono stati i casi più formativi della sua esperienza di neurologo, i più impressi nella sua mente o, semplicemente, i più particolari. Quel che è probabile è che, per ogni tipo di lesione di cui ci vuole parlare, per ogni approfondimento che ci vuole porre, sono stati i più emblematici ed esemplificativi.

Il libro si divide in quattro sezioni, ognuna dedicata ad un tipo di pazienti e di patologie differenti, ognuna presentata da una prefazione che ci anticipa alcuni casi, evidenziando questo o quel dettaglio interessante con cui ci ritroveremo a che fare di lì a poco.
Sacks scrive in modo esemplare, romanza il grottesco e l’inquietante – perché, per quanta pena ed empatia ci possano trasmettere gli sfortunati pazienti di cui ci racconta, pur sempre grottesco ed inquietante ci apparirà la loro esistenza, la loro stessa possibilità, il fatto che un giorno, di punto in bianco, certe patologie potrebbero “risvegliarsi” anche in noi, e non c’è forse cosa al mondo capace di inquietare di più la mente di una persona in buona salute  – al punto che riesce quasi diffcile credere ai casi più estremi.
Il racconto che da il titolo al romanzo, ad esempio, risulta così accattivante nella scrittura, e allo stesso tempo così assolutamente lontano dalla esperienza quotidiana di qualsiasi persona normale, da apparire quasi inconcepibile, un frutto della fervida immaginazione dell’autore. Forse proprio per questo è il primo di questa raccolta: ci mette subito di fronte con l’estrema follia che può raggiungere questa sfilza di casi neurologici, ci costringe fin da subito ad accettare l’inconcepibile. Non ci viene chiaramente detto, ma solo se riusciamo ad accettare che Sacks non ci sta prendendo in giro quando ci racconta di un uomo che ha effettivamente fisicamente scambiato la moglie accanto a lui con un cappello da mettersi in testa, possiamo preseguire, accettando passivamente l’abisso degli orrori in cui la mente umana può gettarci.

E così faremo la conoscenza, ma anche amicizia, grazie all’empatia naturale che Sacks sembra provare con i suoi pazienti e trasmetterci attraverso le sue parole, con ogni tipo di persone: donne che hanno perso la propriocezione – ecco, sì, scopriremo anche dell’esistenza di questo “sesto senso” vitale eppure sconosciuto ai più -, autistici artisti, persone ferme ad un giorno passato della loro vita, persone che si identificano con i propri tic, e tanto altro ancora.

La lettura di questo saggio è piacevole e scorrevole. Gli orrori della mente acquistano una loro forma, e acquisiscono anche fascino e passione nella loro inquietudine. Soprattutto, leggere della forza di alcuni soggetti nel cercare di riprendersi, così come della simpatia che riescono, nonostante tutto, a suscitare in chi gli sta intorno, fa nascere una luce in questa oscurità.

In sostanza, che dire? Una lettura consigliatissima a chiunque sia anche solo superficialmente interessato all’argomento. Un libro ben scritto, appassionante e sicuramente interessante.

VOTO: 8/10

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: